venerdì 2 febbraio 2018

Trasferimento CPSE Coordinatrice Ser.D. - Gestione delle Risorse Umane e Professionali.



                                                                                                                                 
Al Direttore Generale dell’Asl Rm/3
Dott. Vitaliano De Salazar
Al Direttore Sanitario Aziendale f.f.
Dr.ssa Daniela Sgroi
Al Direttore Amministrativo
Dr. Paolo Farfusola
Al Coordinatore dei Servizi delle
Professioni Sanitarie e Sociali
Dr.ssa Giliola Martinelli
Al Direttore del Dipartimento di Salute Mentale
Dr.ssa Simona De Simone
Alla P.O. Dipartimento Salute Mentale
Dott. Massimiliano Di Colantonio
Al Direttore Area Risorse Umane e Affari Generali
Dott. Filippo Coiro

              La scrivente O.S., è venuta a conoscenza del trasferimento della CPSE Coordinatrice del Ser.D. presso il DSM di Via delle Sirene.
             Tale trasferimento sarebbe avvenuto in seguito all’assegnazione, presso l’SPDC del P.O. G.B. della Coordinatrice del DSM di Via delle Sirene, assegnazione avvenuta dopo un regolare Bando di Mobilità Aziendale. Ciò, di fatto, ha privato il Ser.D.  di una CPSE Coordinatrice creando un vuoto in un servizio non privo di problematiche e criticità.
             Ci si chiede attraverso quali criteri e motivazioni sia stato disposto il trasferimento di cui all’oggetto senza aver provveduto, in modi ed in tempi utili, come sarebbe stato opportuno, alla copertura del vuoto determinatosi nel DSM di Via delle Sirene attraverso un ulteriore Bando di Mobilità.
          Ci si chiede, inoltre, se, prima di adottare provvedimenti che in ogni caso determinano e acuiscono carenze e vuoti, nonché producono cambiamenti importanti all’interno di un servizio, sia stata promossa e realizzata quella reale ricognizione delle figure professionali presenti all’interno Azienda così da permettere una più efficace e necessaria programmazione e organizzazione delle attività di competenza del servizio stesso.

       La scrivente O.S. chiede, quindi, attraverso quali criteri e modalità si intende coprire il posto lasciato vacante presso il Ser.D.

         Come Cobas Asl Rm/3 sono anni che andiamo segnalando e denunciando (v. ultima nota del 10.01.2018 Prot. n° 1799) la problematica riguardante le “Politiche di gestione del Personale” (Mobilità, Trasferimenti, collocazioni, ecc.), ma sembra che in questa Azienda, nell’ambito di vari provvedimenti di mobilità del personale continuino a prevalere logiche e modalità a dir poco discrezionali, se non arbitrarie, che, spesso, nulla hanno a che vedere con le reali esigenze e le priorità funzionali e gestionali dei vari Servizi.

           La scrivente O.S., nel riservarsi di approfondire ulteriormente tali problematiche, rileva come tale trasferimento sia avvenuto ignorando, non solo il principio del rispetto e della dignità umana e professionale dell’operatrice, ma non ci si è neanche preoccupati di rendere partecipe delle decisioni adottate la diretta interessata né tantomeno, delle possibili conseguenze e ricadute, che, tale decisione, avrebbe avuto sulla funzionalità del Servizio.

           La scrivente O.S ricorda, ancora una volta, agli Organi di Direzione della Asl Rm/3 che, malgrado siano state emanate diverse Circolari Aziendali, (v. Circolare del 14.01.2011, Prot. n° 3379 e del 23.02.2011, Prot. n° 17695, a firma dell’ex Direttore Generale, Prof. Ferdinando Romano) nonché il Regolamento Aziendale trasmesso anche successivamente con nota del 23.05.2014, Prot. Asl n°45150 dall’ex Direttore Generale, Dr. Vincenzo Panella, nel quale viene anche fatto riferimento alla preventiva informazione che deve essere data alle OO.SS., come queste, siano a tutt’oggi, di fatto, puntualmente contraddette e disattese.

p. il Cobas Asl Rm/3
le/i Delegate/i R.S.U.
Cesare Morra – Paolo Paolacci - Claudia Piermaria

Prot. Asl Rm3
n. 7799 del 02.02.2018

giovedì 1 febbraio 2018

Segnalazione disservizi e criticità Sportelli CUP di Via Paolini – Riorganizzazione C.U.P..



Al Direttore Generale Asl Rm3
Dr. Vitaliano De Salazar
Al Direttore Sanitario f.f.
Dr.ssa Daniela Sgroi
Al Direttore Amministrativo
Dr. Paolo Farfusola
Al Direttore Distretto Sanitario Municipio X
Dr.ssa Daniela Sgroi
Al Dirigente U.O.S.D. attività specialistiche
Liste di Attesa e CUP
Dr.ssa Monica Foniciello
Al Direttore del Dipartimento dei Fattori Produttivi
Dr. Filippo Coiro
 
                 La scrivente O.S., è venuta a conoscenza dello stato di disagio e difficoltà di cittadini/utenti nonché le/gli operatrici/operatori presso gli sportelli CUP di Via Paolini.
Risulta, infatti, che, a fronte del notevole numero di persone che accedono quotidianamente ai suddetti sportelli per le prenotazioni, i cittadini/utenti sono costretti a subire lunghe attese (anche di due ore) a causa delle code interminabili che quotidianamente si verificano per le prenotazioni di per visite e analisi.
Tale situazione sembrerebbe conseguenza del fatto che sarebbero solo due le unità (a volte anche una) impegnate agli sportelli del servizio CUP e ciò rende impossibile far fronte, in modo efficiente e funzionale, nei tempi e nei modi dovuti alle numerose richieste. Le difficili situazioni di disagio e di disservizio, sopra rappresentate, creano, inoltre, continue tensioni che hanno visto richiedere, a volte, l’intervento delle forze dell’ordine.
Il disagio e le difficoltà generate da evidenti disservizi, nonché recentemente, anche dal malfunzionamento del Programma informatico, sono, inoltre, motivo di tensione tra gli stessi cittadini/utenti e il personale addetto agli sportelli, che, peraltro, non ha alcuna responsabilità in merito alle criticità e alle problematiche organizzative presenti.
Tale situazione è aggravata anche dal fatto che non esiste nel Presidio alcun tipo di sportello addetto alle informazioni e ciò genera ulteriore esasperazione e tensione.

                 Scrivente O.S., tenuto conto che presso gli sportelli C.U.P. accedono persone che vivono già uno stato e una condizione di disagio e difficoltà, e nel considerare tale situazione non più sostenibile, sollecita codesta Azienda a verificare le condizioni operative/organizzative di tutti gli sportelli C.U.P. della Asl Rm3 e a rivedere la loro stessa organizzazione al fine di rimuovere tutte le criticità e le problematiche presenti, soprattutto, dotando gli sportelli di un maggior numero di operatori e operatrici allo scopo di eliminare i disagi, le difficoltà, nonché le tensioni causate dalla evidente ed inaccettabile disorganizzazione.
Si fa presente, infine, che dal prossimo mese di marzo inizieranno gli accessi per i rinnovi per esenzione del Ticket, che già nel passato hanno causato notevoli problemi e non pochi disagi ai cittadini/utenti.
Si chiede, pertanto, di promuovere e attivare, in tempi utili, tutte le iniziative necessarie per far fronte a tale situazione.

Distinti saluti

p. Il Cobas Asl Rm/3
le/i Delegate/i R.S.U.
Cesare Morra – Paolo Paolacci - Claudia Piermaria
Prot. Asl Rm3
n. 3720 del 18.01.2018

mercoledì 17 gennaio 2018

Avanti c’è… ancora posto!!!



NEL CORSO DI QUESTI 12 ANNI E 4 MESI I DIRETTORI/COMMISSARI (MANAGER), IN PRATICA, UNA MEDIA DI UNO OGNI 12 MESI, HANNO PARTECIPATO ALLA GESTIONE DELL'ASL RM/3 (ex ROMA D).

ECCOLI… IN ORDINE DI COMPARIZIONE:

1)      Dr.ssa Giuseppina Gabriele nel ruolo di Direttore Generale(Deliberazione n.1 del 16.08.2005);
2)      Dr.ssa Graziella Ansuini nel ruolo di Commissario Straordinario (Deliberazione n.1 del 01.07.2010);
3)      Dr. Maurizio Vittucci nel ruolo di Direttore Generale f.f. (Deliberazione n. 1 del 01.10.2010);
4)      Dr. Ferdinando Romano nel ruolo di Direttore Generale (Deliberazione n. 1 del 01.12.2010);
5)      Dr.ssa Anna Rosalba Buttiglieri nel ruolo di Direttore Generale f.f. (Deliberazione n. 1 del 10.10.2011);
6)      Dr. Vitaliano De Salazar nel ruolo di Commissario Straordinario (Deliberazione n. 1 del 14.05.2012);
7)     Dr. Alessandro Cipolla nel ruolo di Direttore Generale f.f. (Deter.. della Direzione Generale n. 379/1 del  21.11.2012);
8)     Dr. Vincenzo Panella nel ruolo di Direttore Generale (Deliberazione n. 1 del 12.02.2014);
9)     Dr.ssa Flavia Simonetta Pirola nel ruolo di Direttore Generale f.f (Deliberazione n. 1 del 16.12.2015);
10)   Dr. Giuseppe Legato nel ruolo di Commissario Straordinario (Deliberazione n. 1 del 22.01.2016);
11)   Dr. Giuseppe Ciarlo nel ruolo di Direttore Generale f.f (Deliberazione n. 1047 del 19.12.2017);
12)   Dr. Vitaliano De Salazar nel ruolo di Direttore Generale (Deliberazione n. 1 del 29/12/2017).
Per non parlare del continuo avvicendarsi di Direttori Sanitari,
Direttori Amministrativi con annessi Facenti Funzioni…!!!
          Questo continuo avvicendarsi e vergognoso valzer delle nomine e degli incarichi, avvenuto nel corso degli anni, nella gestione della Asl Rm3 (ex D), riteniamo non sia solo frutto del caso, dell’approssimazione e del pressapochismo che ha caratterizzato le scelte dei governi di Centro destra e di Centro sinistra alla Regione Lazio, ma il risultato e la conseguenza, diretta e deliberata, di un processo di depotenziamento e di privatizzazione nonché di Gestione della Cosa Pubblica come fosse “Cosa Loro”. Ciò di fatto, ha ostacolato, se non impedito, la necessaria,  fondamentale, e seria programmazione ed organizzazione in grado di affrontare i reali problemi e le criticità esistenti.
         A pagarne maggiormente il prezzo sono stati, soprattutto, i cittadini che hanno subito le conseguenze del continuo depotenziamento dei Servizi Pubblici e delle Strutture Socio - Sanitarie e le Operatrici ed Operatori, costretti a lavorare in condizioni di disagio e difficoltà sempre maggiori, sia per la mancanza di tutte le necessarie figure umane e professionali (mediche, infermieristiche, tecniche, ausiliarie, amministrative  e sociali) che per l’inadeguatezza ed insufficienza degli stessi.
La Salute non è una merce al servizio dei Vostri interessi, ma un Diritto di TUTTE E TUTTI!!!
Difendiamo la Sanità Pubblica
Cobas Asl Rm/3

ELEZIONI PER IL RINNOVO DELLE R.S.U. 2018




          Sono state definite le date per il rinnovo delle RSU nel Pubblico Impiego.

          Le elezioni si terranno nelle giornate del 17, 18 e 19 Aprile 2018;

          Le candidature dovranno essere presentate dal 14 febbraio al 9 marzo.

          Come Cobas Asl Rm3 a tale proposito abbiamo deciso di convocare per Mercoledì 7 Febbraio, alle ore 15,30 presso la Sede Aziendale di Casal Bernocchi un incontro per discutere e confrontarsi in merito a tale appuntamento partendo da un bilancio, una riflessione, un’analisi che riguardi, non solo l’esperienza e il percorso fatto sino a oggi come Cobas Asl Rm3, ma per cercare di capire e ragionare sulle forme, sulle pratiche, sul senso della rappresentanza, oggi, in un mondo e in una realtà del lavoro che ha visto, vede, e ancor più vedrà, profondi cambiamenti e trasformazioni.
           Ci confronteremo senza nascondere i problemi e le difficoltà che ci sono davanti a noi, senza il timore di dirci la verità di fronte ad una situazione, che oggi è oggettivamente più complessa, ma la affronteremo TUTTE E TUTTI insieme consapevoli dei nostri limiti, delle nostre difficoltà, ma anche della nostra forza che deriva da quella passione, da quell’impegno, da quell’agire che ci ha sempre guidato in questi anni.
            Valuteremo, decideremo sul da farsi, ancora una volta, TUTTE e TUTTI INSIEME perché pensiamo, crediamo che la rappresentanza dei bisogni delle condizioni di vita e di lavoro non si esprime nell’inseguimento di un tesseramento o nella ricerca di un voto all’occasione, ma nel tentativo, nell’impegno costante e quotidiano, di cercare di dar voce e rappresentanza ai bisogni, ai diritti, alle condizioni di vita e di lavoro della lavoratrici e dei lavoratori.
           Nel caso decideremo di presentarci la nostra Lista per le elezioni RSU, come sempre è stato, sarà aperta alla partecipazione anche dei non iscritti alla nostra organizzazione perché siamo convinti che attraverso il confronto, la partecipazione, la pratica costante della democrazia, l’incontro tra percorsi ed esperienze diverse nella ricerca costante di unità , tra i lavoratori del Servizio Sanitario Pubblico sia possibile ritrovare e ripensare il senso e la passione di un diverso agire, la possibilità, stessa, di realizzare quel cambiamento, quella società solidale capace di rendere migliore la nostra vita.

          Invitiamo, pertanto. le Lavoratrici e i Lavoratori a partecipare alla riunione del Cobas Asl Rm3 prevista per Mercoledì 7 Febbraio, alle ore 15:30, presso la sede Aziendale di Via di Casal Bernocchi.
    Ciascuno potrà portare ed apportare la propria esperienza, il proprio contributo perché in questa esperienza non esiste delega ma partecipazione!

Il nostro “motto” come sempre è:

DA OGNUNO QUEL CHE PUO’, DA OGNUNO QUEL CHE SA….

Cobas Asl Rm/3

Segnalazione disservizi e criticità illuminazione Sedi e Presidi Aziendali di Casal Bernocchi.



Al Direttore Generale Asl Rm3
Dr. Vitaliano De Salazar
Al Direttore Amministrativo
Dr. Paolo Farfusola
Al Direttore Sanitario f.f.
Dr.ssa Daniela Sgroi
Al Direttore del Dipartimento dei Fattori Produttivi
Dr. Filippo Coiro

                 La scrivente O.S., con la presente, intende segnalare la difficile situazione che da molti giorni è venuta a crearsi presso la Sede e i Presidi sanitari situati nella zona di Casal Bernocchi a causa di un possibile guasto dell’Illuminazione Pubblica nella zona.

                 Tale situazione, tenuto conto che sia il personale dipendente della Asl che i cittadini/utenti si recano al mattino presto presso le strutture e ne fuoriescono la sera, si trovano esposti, a causa del buio inoltrato dovuto poichè i lampioni della zona risultano tutti spenti, a notevoli disagi e difficoltà, nonché a rischi per loro stessa incolumità.

                  La scrivente O.S., tenuto conto dello stato di disagio, di difficoltà e di insicurezza che tale situazione determina per i dipendenti della Asl Rm3 e per i cittadini/utenti, chiede a codesta Direzione Aziendale di promuovere e attivare tutte le iniziative necessarie presso gli Enti e le Istituzioni interessate (Acea e Comune di Roma) per risolvere con una certa urgenza tale problematica.                  
                   Si coglie, infine, l’occasione per esprimere, a codesta Direzione, l’apprezzamento per il positivo e sollecito riscontro che ha avuto una nostra precedente richiesta di adeguamento del sistema di illuminazione della zona parcheggio retrostante l’entrata principale. Il sistema di illuminazione installato garantisce, infatti, un’ampia ed adeguata illuminazione della zona parcheggio che potrebbe anche, indipendentemente da quanto sopra segnalato, estendersi anche nella zona di entrata della Sede Aziendale e  degli altri presidi e strutture presenti nella zona di Casal Bernocchi.

Distinti saluti
                  
                                                       
p. Il Cobas Asl Rm/3
le/i Delegate/i R.S.U.
Cesare Morra – Paolo Paolacci - Claudia Piermaria

Prot. Asl Rm3
n. 2083 dell’11.01.2018

Avviso di Mobilità interna (ALPI) - Gestione delle Risorse Umane e Professionali.



Al Direttore Generale dell’Asl Rm/3
Dott. Vitaliano De Salazar
Al Direttore Amministrativo
Dr. Paolo Farfusola
Al Direttore Sanitario Aziendale f.f.
Dr.ssa Daniela Sgroi
Al Direttore Area Risorse Umane e Affari Generali
Dott. Filippo Coiro
Al Coordinatore dei Servizi delle Servizi delle Professioni
Sanitarie e Sociali
Dr.ssa Giliola Martinelli
e, p.c.    Al Consiglio dei Delegati della R.S.U.
                                                 
           La scrivente O.S., è venuta a conoscenza che l’Avviso di mobilità interna per 2 posti riservato al personale amministrativo da attribuire presso l’Ufficio ALPI, pubblicato sul portale aziendale in data 08.07.2016 e che ha visto, a seguito del suo espletamento, anche definita apposita graduatoria finale dei partecipanti per l’affissione all’albo dell’Azienda (V. nota del 04.08.2016, Prot. n. 59021) non avrebbe avuto a tutt’oggi alcun riscontro.

         La scrivente O.S., ritiene che tale circostanza, qualora corrispondesse a verità, rappresenterebbe un elemento, non solo lesivo delle aspettative e dei diritti delle persone che hanno partecipato all’Avviso di mobilità in questione, ma un venir meno a quei principi di trasparenza, imparzialità e legalità che sono, o almeno dovrebbero essere, il fondamento cui è informata l’attività di una Pubblica Amministrazione e rappresenterebbe un ulteriore conferma di quanto da anni, come Cobas dell’Asl Rm3, andiamo segnalando e denunciando
attraverso atti formali (v. Note del 21/11/2011, Prot. Asl ex Rm/D n° 107179, del 25/08/2011 con nota  Prot. n° 79268 e del 20/01/2011, nota Prot. n° 5270, nota del 17/11/2008 Prot. n. 94759 e del 29/5/2008 Prot. 44753, Prot. ex Asl Rm/D n° 50036 del 04/06/2012,  Prot. Asl Rm/D n° 41296 del 6 maggio 2013 e unitariamente alle OO.SS. Fials e NurSind con nota Prot. Asl Rm3 n° 9531 del 10.02.2017) nonché attraverso prese di posizione pubbliche (comunicati/volantini, incontri, dichiarazioni ecc,) in merito alle problematiche riguardanti le politiche, l’uso e la gestione delle Risorse Umane e Professionali all’interno della Asl.
     
         Si è cercato più volte di segnalare la necessità di promuovere e realizzare, anche in ragione della grave carenza di personale, presente in tutte le Strutture e nei Servizi Socio Sanitari dell’Asl Rm3,  interventi adeguati in grado di garantire, sia un’equa distribuzione e razionalizzazione delle stesse in rapporto ai ruoli, alle qualifiche, alle competenze e alle professionalità nelle rispettive assegnazioni e collocazioni, sia il rispetto di criteri e principi di correttezza e trasparenza (graduatorie, avvisi e bandi di mobilità, ecc.) necessari per assicurare certezza e tutela del diritto, nonché dignità umana, professionale/lavorativa a tutte le lavoratrici e a tutti i lavoratori in relazione alle necessità e alle esigenze aziendali.

      Purtroppo si è dovuto constatare che, nel corso degli anni, malgrado siano state emanate diverse Circolari Aziendali, (v. Circolare del 14/01/2011, Prot. n° 3379 e del 23/02/2011, Prot. n° 17695, a firma dell’ex Direttore Generale, Prof. Ferdinando Romano) e il Regolamento Aziendale trasmesso anche successivamente con nota del 23/05/2014, Prot. Asl n°45150, dall’ex Direttore Generale, Dr. Vincenzo Panella, nel quale viene anche fatto riferimento alla preventiva informazione che deve essere data alle OO.SS.) come, queste, siano state sempre, di fatto, puntualmente contraddette e disattese.
Contrariamente, a quanto si sarebbe dovuto fare, infatti, tale problematica, tenuto altresì conto di quanto già previsto nei Piani Operativi Regionali di cui al DCA 113/2010 (es. ricognizione del personale finalizzata, appunto, alla riorganizzazione dei Servizi, delle Strutture e delle attività, sulla base delle risorse umane e professionali realmente disponibili) non è mai stata realmente e concretamente affrontata ma, anzi, si è dovuto assistere spesso ad una serie di scelte e provvedimenti (v. trasferimenti, mobilità e collocazioni di personale afferente a varie e diverse figure professionali) frutto soprattutto di improvvisazione e frammentazione, spesso dettati da logiche e dinamiche arbitrarie, discrezionali e contraddittorie, che hanno finito, non solo per negare e calpestare diritti, dignità umana e professionale delle lavoratrici e dei lavoratori, ma hanno determinato e acuito, di fatto, nel corso degli anni, disagi e difficoltà già presenti all’interno delle Strutture e dei Servizi Socio Sanitari Aziendali dell’Asl Rm/3.
Ciò non ha potuto che aggravare e rendere più acute le problematiche e le criticità presenti, resi ancor più difficili da affrontare in modo equo e funzionale tenuto conto che solo recentemente si è provveduto a risolvere e a colmare il vuoto che si era venuto a creare nella Direzione delle Professioni Sociali e Sanitarie (SAI Aziendale) che si trova ora in oggettiva difficoltà, causa anche l’assenza di una reale programmazione e strategia aziendale e  a dover affrontare, in un momento così delicato, le persistenti e gravi emergenze presenti nelle Strutture e nei Servizi Socio Sanitari. 

               La scrivente O.S., chiede, in relazione a quanto sopra rappresentato nel pieno rispetto di quei  criteri di trasparenza, efficacia ed efficienza propri della Pubblica Amministrazione, nonché di quel sistema di regole e principi volti al rispetto dei diritti e della dignità di tutte/i le/i lavoratrici e i lavoratori, il pieno rispetto delle normative contrattuali e di leggi vigenti e dello stesso Regolamento Aziendale in merito alla mobilità, ai trasferimenti, alle collocazioni del personale TUTTO, ad una maggiore attenzione, tenuto conto, soprattutto, del così delicato momento che attraversa la Sanità Pubblica verso quelle “Politiche di Gestione delle Risorse Umane e Professionali” come strumento di razionalizzazione e di gestione fondamentale per affrontare le gravi emergenze presenti nelle Strutture e nei Servizi Socio Sanitari.



p. il Cobas Asl Rm/3
le/i Delegate/i R.S.U.
Cesare Morra – Paolo Paolacci - Claudia Piermaria


 Prot. Asl Rm3    
 n. 1799 del 10.01.2018

sabato 23 settembre 2017

Problematiche spogliatoi personale Ospedale G. B. Grassi.



Al Commissario Straordinario Asl Rm3
Dr. Giuseppe Legato
Al Direttore Sanitario
Dr. Giuseppe Ciarlo
Al Direttore Amministrativo
Dr. Paolo Farfusola
Al Diretto U.O.C. Direzione Medica di Presidio
Ospedaliero Unico
Dr.ssa Maria Grazia Budroni
Al Direttore del Dipartimento di Prevenzione
Dr. Aldo Benevelli
Al Dirigente U.O.C. S.Pre.S.A.L.
Dr.ssa Orietta Angelosanto
Al Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione
Dr. Maurizio Carrozzi
Al Dirigente Medico U.O.C Area Funzionale Staff alla
Direzione Generale – Medico Competente
Dr. Domenico Follacchio
Al Direttore del Dipartimento delle Professioni Sanitarie
Dr.ssa Gigliola Martinelli
Al Direttore del Dipartimento dei Fattori Produttivi
Dr. Filippo Coiro

E,p.c.  Ai Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza

Al Consiglio delle/dei Delegate e Delegati RS                                       

 
                Scrivente O.S ha già avuto modo di segnalare più volte (v. note del 22.01.2013, Prot. n°7062, del 20.02.2015 Prot. 15133 e del 16.06.2015, Prot. n°48206) alla Direzione Aziendale,  al servizio S.Pre.S.A.L. e al Servizio di Prevenzione e Protezione della Asl, la situazione riguardante le pessime condizioni igieniche e climatiche degli spogliatoi presso il P.O. G.B. Grassi, con particolare riferimento a quello del personale femminile.
              A seguito di tali segnalazioni che, peraltro, avrebbero visto l’interessamento anche di altre OO.SS., sarebbero state effettuate delle verifiche da parte dello S.Pre.S.A.L.. e del Servizio di Prevenzione e Protezione.
              Ci si chiede, a tale proposito, se tali verifiche siano state effettivamente effettuate e in tal caso quale esito abbiano prodotto e se sussistano relazioni su quanto eventualmente evidenziato.

              E’ risultato tutto in regola?  Soprattutto, ci si chiede, perché non si è intervenuto?
               La scrivente O.S. non può non segnalare come, a tutt’oggi, non risultino effettuati quei necessari interventi atti a rimuovere la grave condizione di degrado e di abbandono in cui versano i suddetti locali, che sono causa di notevoli disagi, difficoltà e malessere per le lavoratrici che li utilizzano quotidianamente.
               All’interno dei locali suddetti, infatti, come già in precedenza segnalato, risulta non essere assicurata una corretta ed idonea areazione nonché le necessarie temperature e, di conseguenza, un’adeguata ed idonea climatizzazione dei locali, sia nei  periodi invernali, per il gran freddo, sia in quelli estivi, a causa del calore soffocante.
                All’interno dei locali suddetti persisterebbero, inoltre, non solo scarse ed inidonee condizioni di pulizia e sanificazione ambientale, ma, gli stessi, sarebbero avvolti spesso da miasmi dovuti probabilmente al malfunzionamento e/o all’inidoneo sistema fognario.
                   Scrivente O.S. chiede, pertanto, che vengano effettuate con carattere di urgenza tutte le verifiche e i sopralluoghi per realizzare in tempi brevi tutti gli interventi necessari atti ad assicurare quelle condizioni di igiene, di salubrità, nonché di decoro, che necessariamente devono mantenersi nei luoghi di lavoro (art. 64 – DLgs 81/08). Questo per realizzare quei requisiti previsti, indicati ed imposti, sempre dal DLgs  81/08 – allegato IV, a tutela, non solo della salute e della sicurezza, ma dei diritti e  della dignità stessa delle lavoratrici e dei lavoratori.
Distinti saluti                                                        

p. il Cobas Asl Rm/3
le/i Delegate/i R.S.U.
Cesare Morra –  Paolo Paolacci - Claudia Piermaria

Prot. Asl Rm3
n. 58854 del 12.09.2017